La madre di tutte le poesie

La madre di tutte le poesie

Se non ci fosse il mare

Il fiume non avrebbe dove sboccare

E se la terra non esistesse,

dov’è che si potrebbe camminare?

Dio, Dio le sue cose le sa fare|

Crea la notte e crea il giorno,

crea l’estate e crea l’inverno

dalla pianura fece la montagna

e all’uomo creò la sua compagna

Dio, Dio le sue cose le sa fare|

E come se tutto questo niente fosse stato

il figlio suo dal cielo in terra ci ha mandato

ma questo noi altri spesso ce lo scordiamo

che siamo vermi di terra in questo mondo!

Ci voleva ricchi, ma ricchi di cuore

e non ricchi  solamente di denaro

Il più dotto lo perseguitarono

perfino portandolo sul legno

Figlio mio bello, parlava di pace

e per colpa dell’uomo finì nella croce

Cristo, Cristo che per noi altri moristi

e dopo tre giorni in cielo te ne andasti

fermati in cielo e in terra non tornare

siamo peggio di prima e tu lo vedi

Chi disse che a due capi sulla terra

si deve dire grazie se non fanno la guerra!

E che sono padrone io sopra la terra?

Dio che sai fare le tue cose

su questo mondo metti le tue mani

tu lo facesti e tu ne sei il padrone

Grazie solo a te dobbiamo dire

l’unica speranza nostra è il Signore!